Titolo del tag

Autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et dolore feugait.

Archivio dei tagfucina900

22 marzo: “Nato sulle rive dello Jonio”. Angelo Lippo, poeta tarantino

In connessione con la Giornata Mondiale della Poesia, che si celebra il primo giorno di primavera, Fucina 900 dedica ad Angelo Lippo (1939-2011) un incontro di approfondimento e ricordo, per mantenere la memoria di un poeta dalla scrittura vigile e, in un certo senso, militante: vi trapela, già negli anni Settanta, un’attenzione alle dinamiche città-industria tradotte in versi di alta ispirazione dedicati alla sua città, entrando con la sua poesia nel difficile tema di attualità delle morti sul lavoro.

Interverranno all’incontro Paola Bisconti, book blogger attiva come operatrice culturale su Lecce, Marco Costante, giovane studioso che ha dedicato alla poesia tarantina la sua tesi di laurea e Mauro Marino, poeta, giornalista e critico dell’Associazione culturale Fondo Verri (Lecce).

Avremo l’onore di ospitare anche la famiglia di Angelo Lippo, che attraverso testimonianze ci aiuterà a comprendere meglio la personalità del poeta a cui, recentemente, è stata intitolata una strada.

Vi aspettiamo!

INGRESSO GRATUITO
______________________________________________________
I relatori:

Paola BISCONTI (Lecce, 1984) opera da circa dieci anni nel settore culturale. Profondamente innamorata dei libri, in questi anni ha infatti avviato una serie di progetti che mirano a portare la lettura in contesti insoliti. Aderendo al movimento americano denominato “Little free library” ha installato nel Salento (e non solo) quasi trenta mini biblioteche contribuendo ad avvicinare bambini e adulti ai libri.
E’ autrice del volume “Sulle strade dei libri. Viaggio nei mondi della lettura” (Edizioni Esperidi, 2017).
Cura il blog sullestradedeilibri.it.

Marco COSTANTE (Taranto, 1990) è laureato in Scienze dei Beni Culturali e in Scienze Storiche presso l’Università degli Studi di Bari; nelle sue attività di ricerca, ha sempre manifestato interesse per ambiti anche molto diversi tra loro, trattando anche di poesia dialettale. E’ iscritto alla Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica dell’Archivio di Stato di Bari e si occupa di comunicazione e divulgazione del patrimonio culturale. E’ autore ed editor per “L’Olifante”, rivista che si occupa di musica e industria musicale.

Mauro MARINO (Lecce, 1956), è operatore culturale, allievo e collaboratore del poeta Danilo Dolci, e dal 1999 dirige a Lecce l’attività dell’Associazione Culturale Fondo Verri dedicato allo scrittore salentino Antonio L. Verri. Impegnato sul fronte della prevenzione e della cura del disagio giovanile cura laboratori di scrittura e di espressione creativa. Ha fatto parte del direttivo dell’Associazione I Presidi del Libro, è ideatore e curatore di esperienze editoriali salentine attente alla creatività e al desiderio creativo. Ha collaborato con il Teatro Infantile di Lecce, Astragali Teatro, la Compagnia di Teatro Danza Skenè, il Teatro Valdoca di Cesena.
Giornalista pubblicista ha diretto il quotidiano “il Paese nuovo”; ha creato Spagine, periodico di informazione culturale del Fondo Verri.

Vito Saracino è il vincitore della seconda edizione del Premio di ricerca “Sebastiano Romeo”

Il 15 febbraio a Taranto, nello splendido salone di Palazzo Pantaleo, ha avuto luogo la cerimonia di consegna del Premio di ricerca “Sebastiano Romeo”, giunto alla sua seconda edizione. Anche quest’anno, infatti, la famiglia Romeo ha messo in palio un assegno di 1000 euro da assegnare a un giovane ricercatore (under35) che avesse portato avanti un lavoro sul territorio pugliese in età contemporanea, in linea con gli obiettivi statutari dell’Associazione di Public History Fucina 900.

La commissione – formata quest’anno da Salvatore Adorno (professore di Storia contemporanea, Università di Catania), Christian Caliandro (professore di Storia dell’Arte contemporanea, Accademia di Belle Arti di Foggia), Giulio Fenicia (professore di Storia economica, Università di Bari) e Silvio Labbate (ricercatore in Storia contemporanea, Università del Salento) – ha scelto di premiare Vito Saracino, nato a Manfredonia, classe 1990, dottorando presso l’Università di Foggia e ricercatore presso la Fondazione Gramsci Puglia, con il suo lavoro, edito nel 2016, ““Un libertario a servizio della Murgia. Enzo Marchetti, tra impegno politico e attivismo culturale”.

Saracino ha raccontato agli intervenuti la genesi della sua ricerca e la personalità di Enzo Marchetti, intellettuale di Gravina in Puglia. La consegna del premio è avvenuta per mano di Lucia Caterino, moglie del Dott. Romeo al quale, durante la serata, sono stati dedicati diversi ricordi.

Fucina 900 è pronta a rilanciare un’iniziativa che, quest’anno, ha mostrato un’apertura ben oltre i confini della città jonica: è anche questo il senso del nostro modo di divulgare la storia!

Ad maiora!